Le Fiere Zootecniche di Cremona (26-28 novembre) si confermano come punto nevralgico per lo sviluppo di business internazionale:

in arrivo operatori da UE, Est Europa, Medio Oriente, Asia e Africa oltre a collaborazioni internazionali

Cremona, 23 novembre 2021 – Da molti anni ormai CremonaFiere continua a tessere una rete internazionale per affiancare le aziende italiane del settore agrozootecniche a trovare nuovi sbocchi di mercato al di fuori dei confini nazionali. Anche quest’anno, in un momento così difficile per gli spostamenti internazionali, le delegazioni in arrivo a Cremona in occasione delle Fiere Zootecniche sono il frutto dell’intenso lavoro che è stato portato avanti durante tutto il corso dell’anno.

“Una delle nostre mission primarie è senza dubbio aiutare le aziende nazionali ad entrare con successo nei mercati più promettenti dal punto di vista dello sviluppo agricolo e zootecnico – sottolinea Massimo De Bellis, direttore della Fiera di Cremona –. Le visite delle delegazioni estere e gli incontri che abbiamo organizzato in fiera sono la concretizzazione di un lavoro dietro le quinte che va avanti per 365 giorni l’anno; ricerchiamo costantemente nuove opportunità da offrire alle imprese italiane, e la risposta che abbiamo ottenuto ci conferma che stiamo puntando nella direzione giusta.”

Saranno infatti 14 le delegazioni estere in arrivo a Cremona, tutte provenienti da Paesi che si stanno dimostrando particolarmente interessanti per sviluppare nuovo business e al modello produttivo d’eccellenza che è rappresentato a Cremona: Azerbaigian, Bielorussia, Marocco, Pakistan, Polonia, Moldavia, Romania, Serbia, Kazakistan, India, Ghana, Uzbekistan, Paesi Bassi, Irlanda

CremonaFiere ha organizzato per gli operatori esteri un’attività di matchmaking per farli incontrare con gli espositori della manifestazione in base ai rispettivi interessi, e facilitare in questo modo l’avvio di nuovi contatti commerciali per le aziende.

“Siamo riusciti a ottenere questo importante risultato grazie anche alla collaborazione con ICE Agenzia, Enterprise Ireland, CCIAA Italia-Belarus, e UNIDO (Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale, ndr) e Regione Lombardia – continua De Bellis –; il loro supporto è stato fondamentale, e ci conferma che Cremona rappresenta anche per queste organizzazioni uno snodo cruciale per lo sviluppo di business internazionale.”

Durante i giorni di fiera ci saranno anche appuntamenti specifici di visione sui mercati come il workshop “Opportunità di mercato ed orientamento allo sviluppo commerciale in Belarus” di venerdì 26/11 alle ore 14:30, organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio Italia – Belarus, oltre alla presentazione delle opportunità di mercato, nella quale interverranno anche l’Ambasciatore italiano nella Rep. di Belarus (da remoto) e la Vice presidente della Camera di Commercio di Minsk (sempre da remoto), in cui verrà anche presentata la Missione d’Affari di giugno 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.