Con il supporto di:

Da giovedì 28 a sabato 30 novembre 2024

Save the Date

Con il supporto di:

Innovazione, sostenibilità e circolarità: i cardini dell’azienda agro-zootecnica 4.0. Un nuovo percorso formativo a disposizione delle aziende agricole

Un nuovo capitolo nell’innovazione agricola si apre a Cremona con il lancio del percorso formativo
“Innovazione, Sostenibilità e Circolarità: i Cardini dell’Azienda Agro-Zootecnica 4.0.” Presso il Campus Santa Monica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Cremona, il corso avrà inizio il 7 Febbraio 2024, offrendo alle aziende agricole uno strumento fondamentale per la transizione ecologica.


Come rendere attuabili ed efficaci i concetti di sostenibilità e di circolarità nell’agricoltura e nell’allevamento? Come affiancare un’azienda agro-zootecnica nella transizione ecologica? Ovvero, più concretamente, come orientare gli imprenditori verso forme di innovazione tecnica e tecnologica per giungere a fare impresa a basso impatto ambientale mantenendo elevata l’efficienza produttiva ed economica?

Il corso affronterà tematiche cruciali per il settore agro-zootecnico, fornendo risposte concrete alle sfide della sostenibilità e circolarità nell’agricoltura moderna. I partecipanti avranno l’opportunità di interagire con docenti di alto livello scientifico provenienti dall’Università Cattolica del Sacro Cuore e dal Politecnico di Milano.

Saranno organizzati momenti formativi che accompagneranno gli imprenditori agro-zootecnici in un percorso che restituisca una semplice realtà: raggiungere sostenibilità significa avere a che fare con molti e diversi fattori in gioco. Per questo si inizierà con una serie di lezioni su come attuare nel concreto pratiche ecosostenibili in azienda: tecniche di lavorazione a basso impatto ambientale, monitoraggio delle colture, ottimizzazione delle tecniche colturali e così via dal punto di vista agronomico. Come massimizzare l’auto-approvvigionamento aziendale di energia e proteine e come, allo stesso tempo, tenere sotto controllo il costo della razione alimentare dal punto di vista zootecnico.

Saranno poi indagate le conoscenze applicate e le tecniche più innovative per la produzione di energie
rinnovabili, nelle diverse articolazioni che vanno dal biogas all’agrivoltaico, e per l’efficientamento energetico dell’azienda. Per giungere, infine, agli sforzi scientifici e tecnologici volti a mitigare le emissioni di gas serra di origine zootecnica, sia grazie a buone pratiche da compiere in stalla che attraverso strategie di valorizzazione in campo degli effluenti zootecnici. Sommando dunque circolarità alla sostenibilità.

Questo corso rappresenta il primo frutto del Protocollo d’Intesa tra il ZAF Innovation Center e il Consorzio Italiano Biogas, sottoscritto il 20 ottobre. Il ZAF Innovation Center, composto da Istituzioni, Imprese, Associazioni di Categoria, e supportato dalla Fondazione LGH, si propone di creare un sistema sinergico tra agrozootecnia, agroindustria e università.

Il Consorzio Italiano Biogas, attivo a livello nazionale, unisce aziende agricole produttrici di biogas e biometano. Attraverso il progetto “Farming for Future,” il Consorzio sta delineando un percorso di dieci azioni per contribuire alla decarbonizzazione dell’agricoltura.

Il programma completo del corso è disponibile sul sito di ZAF Innovation Center, dove è possibile anche
procedere con l’iscrizione. Le iscrizioni sono aperte fino ad esaurimento posti.

Questo percorso segna un passo fondamentale per l’evoluzione sostenibile del settore agricolo, unendo
innovazione, sostenibilità e circolarità per plasmare un futuro agricolo responsabile ed efficiente.